IMU a Genzano Di Roma


Dal 1° gennaio 2012 è in vigore l’Imposta Municipale Propria (IMU), la cui istituzione è stata anticipata in via sperimentale dal decreto legge n. 201/2011 “Salva Italia”, convertito con modificazioni dalla legge n. 214/2011. L’IMU sostituisce l’ICI e L’Irpef dovuta sui redditi fondiari degli immobili non locati. Il gettito dell’IMU relativa agli immobili diversi dall’abitazione principale, viene suddiviso al 50% tra Stato e Comune di Genzano di Roma.
Le informazioni di seguito riportate si riferiscono principalmente al versamento dell’acconto dell’IMU per l’anno 2012.
LE PRINCIPALI NOVITÀ DELL’IMU
Vengono meno le esenzioni previste dalla vecchia ICI sia per le abitazioni principali sia per le abitazioni assimilate alle abitazioni principali (uso gratuito a parenti o affini, ecc);
La base imponibile degli immobili, per la determinazione dell’IMU, viene calcolata come per la vecchia ICI, ma utilizzando nuovi coefficienti moltiplicatori definiti per ogni categoria catastale (ad esempio: per le abitazioni il coefficiente passa da 100 a 160);

Per i coniugi separati o divorziati, a differenza di quanto previsto per la vecchia ICI, l’imposta graverà sul coniuge assegnatario della ex casa coniugale;

I fabbricati rurali dal 1° gennaio 2012 sono soggetti all’IMU. I fabbricati rurali non accatastati devono essere obbligatoriamente iscritti nel catasto urbano entro il 30 novembre 2012;
Il pagamento dell’acconto dell’imposta, per la rata di giugno e per quella eventuale di settembre, deve essere eseguito esclusivamente con il modello F24.
Attenzione:
l’importo da versare in acconto deve essere calcolato applicando le aliquote base stabilite dalla norma di legge (vedi paragrafi seguenti).
A saldo sarà necessario ricalcolare l’IMU per tutto il 2012 sulla base delle nuove aliquote deliberate dal Consiglio Comunale, e procedere a versare la differenza rispetto a quanto già pagato in acconto.
CHI DEVE PAGARE L’IMU
Il proprietario di immobili (case, negozi, capannoni industriali, fabbricati rurali, aree fabbricabili);
Il titolare di diritti reali di godimento quali il diritto di usufrutto, uso, abitazione, diritto di
superficie e di enfiteusi;
L’utilizzatore di immobili sulla base della stipula di un contratto di locazione finanziaria (leasing);
Il concessionario di beni demaniali.
LA BASE IMPONIBILE
La Base imponibile dell’IMU è il valore degli immobili.
Per le aree edificabili, la base imponibile è il valore di mercato al 1° gennaio di ogni anno.
Per i fabbricati iscritti in catasto, il valore è costituito da quello ottenuto applicando all’ammontare
delle rendite risultanti in catasto, rivalutate del 5%, i seguenti moltiplicatori:
  • abitazioni del gruppo A (esclusa la cat. A10) ed immobili in categorie C2, C6 e C7:  160
  • fabbricati del gruppo catastale B e delle categorie C3, C4 e C5:    140
  • fabbricati nelle categorie D5 e A10:    80
  • fabbricati del gruppo catastale D, escluso la categoria D5:    60
  • fabbricati nella categoria catastale C1:   55
La base imponibile è ridotta del 50%:
  • per i fabbricati di interesse storico artistico, come definiti dall’articolo 10 del DLgs 42/2004;
  • per i fabbricati inagibili o inabitabili con autocertificazione o perizia a carico del proprietario, se l’inagibilità non è superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria.
IMU ABITAZIONI PRINCIPALI
L’abitazione principale, a cui si applica in acconto l’aliquota del 4 per mille, è la casa in cui il possessore ed il suo nucleo familiare vi dimorano abitualmente e hanno la residenza anagrafica. Nel caso che componenti il nucleo familiare abbiano fissato dimora e residenza in immobili diversi situati nel territorio comunale, l’agevolazione per l’abitazione principale e le relative pertinenze si applica ad un solo immobile in relazione al nucleo familiare.
Alle pertinenze (al massimo una per ogni categoria catastale: C/6 box ed autorimesse private, C/7 posti auto scoperti, C/2 cantina o soffitta) è applicata la stessa aliquota della abitazione principale.
E’ prevista una detrazione per l’abitazione principale di euro 200. Inoltre è prevista una ulteriore detrazione di euro 50 per ogni figlio di età non superiore ai 26 anni che dimori e risieda nell’abitazione principale, fino alla concorrenza massima di euro 400.
Attenzione:
in caso di separazione o divorzio, l’abitazione utilizzata dal coniuge assegnatario residente, anche se non proprietario, deve essere considerata come abitazione principale;
IMU ALTRI IMMOBILI
La seconda casa (che sia affittata, tenuta a disposizione del proprietario o concessa in comodato d’uso al coniuge o parenti e/o affini ) e ogni altro immobile paga l’acconto IMU in base all’aliquota ordinaria del 7,6 per mille. L’imposta così definita, deve essere versata 50% allo Stato e 50% al Comune di Genzano di Roma.
Le abitazioni delle cooperative a proprietà indivisa e degli istituti autonomi case popolari (ora ATER) regolarmente assegnate e usate come abitazione principale sono soggette all’aliquota del 7,6 per mille. In acconto, si dovrà versare la sola quota spettante al Comune di Genzano di Roma. A tali unità immobiliari e relative pertinenze si applica inoltre la sola detrazione di € 200.
IMU ABITAZIONI RURALI
La casa rurale iscritta nel catasto fabbricati, se sussistono i requisiti richiesti, è considerata abitazione principale e pertanto dovrà essere applicata in sede di acconto l’aliquota del 4 per mille nonché le detrazioni previste. Nel caso l’immobile sia ancora iscritto al catasto dei terreni, il possessore ha tempo fino al 30 novembre 2012 per iscriverlo al catasto fabbricati. Solo in questo caso il versamento dovrà essere effettuato in una unica soluzione, entro il 17 dicembre, senza acconti.
IMU FABBRICATI RURALI STRUMENTALI
I possessori di stalle, fienili, portici e altri fabbricati rurali strumentali versano l’IMU applicando l’aliquota del 2 per mille. Il versamento in acconto dell’IMU per l’anno 2012 deve essere effettuato entro il 18 giugno per un importo pari al 30% dell’imposta applicando l’aliquota di base; entro il 17 dicembre a saldo, tramite conguaglio tra l’imposta totale dovuta per l’anno e quanto corrisposto in acconto.
Anche i fabbricati rurali strumentali attualmente iscritti al catasto dei terreni, dovranno essere dichiarati entro il 30 novembre 2012 al catasto dei fabbricati e il versamento dovrà essere effettuato in una unica soluzione, entro il 17 dicembre, senza acconti.
scaglioni:
CALCOLO DELL’IMPOSTA
Rendita iscritta in catasto x 1,05 x moltiplicatore x aliquota:1000 = IMU annuale lorda a cui si deve sottrarre la detrazione di € 200 eventualmente maggiorata in caso di figli: numero di rate = IMU da pagare in acconto.
È possibile che si debbano applicare aliquote differenziate, oppure aliquote diverse per frazioni di anno, in base al periodo di validità dei requisiti richiesti per le aliquote relative all’abitazione principale o per altri fabbricati.
Se l’unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verifica.
MODALITA’ DI VERSAMENTO
L’unica modalità di versamento ammessa per corrispondere l’acconto è tramite il modello di pagamento F24.
L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato i “codici tributo” da utilizzare per il versamento dell’IMU istituendo una doppia serie di codici: una riferita all’imposta comunale, l’altra riferita invece alla quota statale (vedere la tabella sottostante).
CODICI TRIBUTO PER MODELLO F24
CODICE COMUNE:  D972
QUOTA COMUNE QUOTA STATO
IMU – imposta municipale propria su abitazione principale e relative pertinenze – articolo 13, c. 7. D.L.201/2011
3912
IMU – imposta municipale propria per fabbricati rurali ad uso strumentale 3913
IMU – imposta municipale propria per terreni 3914 3915
IMU – imposta municipale propria per le aree fabbricabili 3916 3917
IMU – imposta municipale propria per gli altri fabbricati 3918 3919

 

È infatti riservata allo Stato la metà dell’imposta calcolata applicando l’aliquota ordinaria del 7,6 per mille. Mentre è riservata al Comune di Genzano di Roma l’intera imposta relativa alle abitazioni principali e pertinenze e agli immobili rurali strumentali.
Si ricorda che l’importo da versare deve essere sempre arrotondato all’euro.
SCADENZE VERSAMENTI

Si potrà versare l’imposta relativa alla sola abitazione principale e relative pertinenze in due oppure in tre rate:

Nel caso in cui il contribuente scelga di pagare in due rate le scadenze sono:
entro il 18 giugno (acconto): l’importo corrisponde al 50% dell’imposta dovuta applicando l’aliquota del 4 per mille e le detrazioni vigenti;
entro il 17 dicembre (saldo): l’imposta va ricalcolata per tutto l’anno 2012 applicando le aliquote deliberate dal Consiglio Comunale; l’importo da versare a saldo sarà pari all’imposta
complessiva così calcolata meno quanto versato in acconto.
Nel caso in cui il contribuente scelga di pagare in tre rate le scadenze sono:
entro il 18 giugno (1° rata acconto): l’importo corrisponde al 33,33% dell’imposta dovuta applicando l’aliquota del 4 per mille, e le detrazioni vigenti;
entro il 17 settembre (2° rata acconto): l’importo corrisponde al 33,33% dell’imposta dovuta applicando l’aliquota del 4 per mille e le detrazioni vigenti;
entro il 17 dicembre (saldo): l’imposta va ricalcolata per tutto l’anno 2012 applicando le
aliquote deliberate dal Consiglio Comunale; l’importo da versare a saldo sarà pari all’imposta
complessiva così calcolata meno quanto già versato nella prima e nella seconda rata.
Altri immobili – è possibile versare solamente in due rate:
entro il 18 giugno (acconto): l’ importo corrisponde al 50% dell’imposta dovuta calcolata applicando l’aliquota del 7,6 per mille; i fabbricati rurali strumentali dichiarati al catasto fabbricati applicano l’aliquota del 2 per mille e corrispondono il 30%;
entro il 17 dicembre (saldo): l’imposta va ricalcolata per tutto l’anno 2012 applicando le aliquote deliberate dal Consiglio Comunale; l’importo da versare a saldo sarà pari all’imposta complessiva così calcolata meno quanto già versato in acconto.
ll nuovo modello F24 è disponibile, in versione cartacea, presso Banche, Poste e agenti della riscossione, mentre, in formato elettronico, sul sito dell’Agenzia delle Entrate(www.agenziaentrate.gov.it)
Per ragioni di economicità, il vecchio modello F24 potrà essere ancora utilizzato fino al 31 maggio 2013. In questo caso, l’indicazione per il pagamento dell’IMU troverà spazio nell’apposita sezione “Ici e altri tributi locali”.
 
Per quanto non riportato nella presente nota informativa si rimanda
–         Alla/e Deliberazione/i di determinazione dei valori delle aree fabbricabili
–         Al D.Lgs 30 dicembre 1992 n. 504 (art.1-15) ; D. Lgs. 14 marzo 2011 n. 23 (art 8, 9 e 14); D.L. 6 dicembre 2011 n. 201 (art.13), convertito con modificazioni con la legge 22 dicembre 2011 n. 214, e s.m.i.
Per ulteriori informazioni può scaricare l’informativa predisposta oppure rivolgersi presso l’Ufficio Tributi nei seguenti orari:

 Dal Lunedì al Venerdì      dalle ore 09,00 alle ore 12,00

                                               dalle ore 15,30 alle ore 17,30
N.B.: il seguente orario verrà osservato soltanto per il periodo dal 21/05/2012 al 15/06/2012.
A partire dal 18/06/2012 tornerà in vigore il consueto orario di apertura.
Documentazione:

Informativa IMU.pdfInformativa IMU.pdf

Modello_F24_editabile.pdfModello_F24_editabile.pdf

VERIFICA RENDITA CATASTALE

Per verificare la rendita catastale di un immobile è possibile accedere al sito dell’Agenzia del Territorio cliccando qui.
Inserire il Codice fiscale del proprietario dell’immobile, il codice di sicurezza riportato nella stessa pagina, i dati catastali dell’immobile (foglio, particella e subalterno) e verificare la rendita catastale.

 fonte: Comune di Genzano Di Roma (si declina ogni responsabilità se le presenti informazioni non dovessero risultare aggiornate; in ogni caso si consiglia di visionare il sito web istituzionale del Comune o di contattare direttamente l’ufficio competente)

Rock per un bambino


Venerdì 25 maggio 2012 alle ore 20.00 si terrà presso il Palazzo dello Sport Gino Cesaroni di Genzano Di Roma, la manifestazione “Rock per un bambino”, un concerto di beneficenza dove tantissimi artisti musicali di fama nazionale canteranno insieme le loro canzoni. Il biglietto costa € 10,00 e non ci sono le prevendite, ma la vendita avverrà solamente il giorno del concerto dalle ore 16.00 alle ore 19.00 presso il Palazzo dello Sport Cesaroni.

Venite numerosi per quest’evento di beneficenza!!

La città dei bambini


Lunedì 28 maggio 2012 dalle ore 09.00 alle ore 19.00 presso il piazzale Gino Cesaroni ci saranno tutti gli Enti pubblici di primo intervento di Genzano Di Roma che mostreranno alla popolazione i propri automezzi, attrezzature e faranno delle dimostrazioni pratiche. Questo evento, organizzato dalla Polizia Locale, è il termine conclusivo di un corso sviluppato per i bambini genzanesi “La città dei bambini”.

Tutti sono invitati a partecipare.

Festa delle Fragole


Da venerdì 25 maggio fino a domenica 27 nella Frazione dei Landi si svolgerà la tradizionale “Festa delle fragole” con giochi, sport, musica e gastronomia. Si partirà venerdì alle 18 con le fasi eliminatorie dei vari tornei, calcetto, carte e calcio balilla, mentre sabato alle 16:30 apriranno gli stand dei produttori agricoli e artigiani del territorio e, nel tardo pomeriggio, anche quelli gastronomici. La giornata di domenica inizierà invece di buon mattino, con l’apertura degli stand a partire dalle ore 8:00, la gara podistica, la mostra delle moto d’epoca alle 11:30, giochi in piazza nel pomeriggio fino ad arrivare alle vere protagoniste di questa tre-giorni: le fragole, appunto, che potranno essere degustate a partire dalle 17:30 di domenica 27 maggio.

“Le fragole sono un prodotto molto importante per la nostra terra, un prodotto tradizionale che da sempre contraddistingue questi luoghi. Questa Amministrazione – afferma il Sindaco Flavio Gabbarini – vuole porre un’attenzione particolare alla tradizione e ai prodotti tipici, perché pensiamo che in un momento così delicato dal punto di vista economico e sociale sia opportuno costruire nuove sinergie con l’imprenditoria locale e con tutti i soggetti che operano sul territorio. Tutto questo sia per offrire alla città delle occasioni reali per rilanciare lo sviluppo locale, ponendo particolare attenzione proprio alla valorizzazione delle tradizioni e del patrimonio culturale ed enogastronomico, sia perché crediamo che in un periodo di crisi i momenti di aggregazione siano fondamentali per ricompattare il tessuto sociale della città e per uscire dalla crisi”.

Innaffiamento Olmata


Protezione Civile innaffiamento Olmata Genzano Di Roma

Il mezzo della Protezione Civile di Genzano Di Roma all'opera.

Ogni giovedì alle ore 22.00 e ogni sabato alle ore 06.00 i Volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile innaffieranno l’Olmata per garantire un confort alla cittadinanza contro l’afa estiva. Si consiglia, pertanto, di non stendere il bucato nei balconi che si affacciano sull’Olmata negli orari sopra indicati.

Anche per gli amanti delle passeggiate e delle corse si consiglia di prestare maggiore attenzione quando si percorre l’Olmata per non scivolare sul fondo bagnato.

Ringraziamo fin da ora i Volontari di Protezione Civile che a titolo gratuito effettuano tale servizio per tutta la cittadinanza genzanese!

volontario protezione civile che innaffia l'olmata genzano di roma

un Volontario di Protezione Civile di Genzano Di Roma che innaffia l'olmata

autobotte chilolitrica protezine civile genzano di roma olmata

L'autobotte della Protezione Civile di Genzano Di Roma che si appresta ad entrare nell'Olmata